Ultima modifica: 5 Dicembre 2022

I RISCHI DELLA RETE: CYBERBULLISMO E NON SOLO

I RISCHI DELLA RETE: CYBERBULLISMO E NON SOLO
Lunedì 21 novembre 2022, gli alunni delle classi quinte della Primaria e delle terze della Scuola Secondaria di primo grado, dell’Istituto Comprensivo “ G. Verga” di Riposto,  diretto dalla Preside prof.ssa Cinthia D’Anna, hanno incontrato in streaming il Commissario Capo della Polizia Postale di Catania, Dott. Letterio Freni,    la conferenza, organizzata dalle docenti Anna Maria Bordonaro e  Daniela D’Urso  nell’ambito del progetto “Educazione alla Legalità”, ha riscosso un notevole successo fra gli alunni.

Il Relatore   ha illustrato ai ragazzi il corretto uso di Internet,  mostrando, attraverso accattivanti immagini e accurate descrizioni,  i pregi e i difetti del mondo interattivo. L’incontro si è basato su esperienze reali vissute da dei ragazzi, accecati dalla voglia  di diventare grandi troppo in fretta.

Se dovessimo dare una definizione di cyberbullismo, dovremmo spiegare come con questo neologismo si intenda una forma di bullismo  in rete, ovvero, quando  si pubblicano, all’insaputa degli interessati,  video e foto imbarazzanti, creando una situazione di disagio che, nei casi più gravi,   potrebbe portare anche al suicidio. Il cyberbullismo è  quasi sempre anonimo,  per questo motivo è molto difficile, per chi  è vittima di tali atti,   risalire al  molestatore. E’ necessario denunciare immediatamente alla Polizia Postale tutti gli episodi che possono essere catalogati come casi di cyberbullismo, per arginare tale fenomeno, oggi purtroppo sempre più diffuso ; infatti  sono  ancora pochi quelli che denunciano e molti , invece, quelli che continuano a subire fino a  quando non ce  la fanno più ! Inoltre, mentre il bullismo tradizionale avviene di solito in luoghi e momenti ben precisi, il  cyberbullismo  colpisce la vittima ogni volta che si collega  in rete.

Si legge spesso sui giornali di giovanissimi coinvolti in episodi di cyberbullismo che, a causa di foto  utilizzate in  particolari siti, hanno deciso di togliersi la vita, ricorrendo a questo gesto estremo per degli insulti ricevuti tramite web. I giovani di oggi fanno un uso scorretto di Internet.

 

Frequentemente   si concede la propria amicizia a persone che non si conoscono e che potrebbero essere ben diverse da come si presentano e tutto ciò solo per aumentare a dismisura il numero di amici virtuali. Molti adulti usano questi siti per adescare i ragazzi fingendosi anche loro minori e cercando poi di incontrarli nella vita reale. E’ necessario prevenire tale fenomeno, oggi sempre più in espansione, ricordando alcune semplici regole: il privato non deve diventare pubblico, le foto anche se si cancellano  dal profilo, rimangono comunque nella rete, pertanto bisogna fare  SEMPRE ATTENZIONE e NON FIDARSI MAI! Il Commissario Freni   ha concluso la  conferenza affrontando il fenomeno della pedofilia online dove degli adulti fingendo di essere teenagers tentano di adescare dei ragazzini per fini esclusivamente sessuali. Il lavoro della Polizia Postale è veramente importante per arginare e prevenire i casi di cyberbullismo e navigare sicuri nella rete, infatti, gli agenti  ci proteggono tutti i giorni dalle pericolose insidie che Internet nasconde.

Siria Cordio e Maria Chiara Villa

Classe III sez. B  – Plesso “Pirandello”